Informazione

Oasi Naturalistica di Gabbianello - A.N.P.I.L. - Oasi WWF - Toscana

Oasi Naturalistica di Gabbianello - A.N.P.I.L. - Oasi WWF - Toscana


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Oasi Naturalistica - A.N.P.I.L. - Oasi WWF
Regione: Toscana

L’area protetta (25 ettari, di cui 8 allagati) è situata nel Comune di Barberino di Mugello (Provincia di Firenze), nelle vicinanze del paese di Galliano, a 5 Km da Barberino e a 30 Km da Firenze, e si sviluppa sulla sponda nord-est del Lago di Bilancino, bacino artificiale originatosi in seguito alla realizzazione della diga del Bilancino a sbarramento del fiume Sieve, completata nel 2005 dalla Regione Toscana.

Oasi Naturalistica di Gabbianello (foto sito web )

Descrizione

L’Oasi Naturalistica di Gabbianello si colloca in un contesto paesaggistico, tipicamente toscano, di grande suggestione, circondata da ampie zone boschive, pascoli e zone coltivate principalmente col metodo biologico, in un’area pianeggiante protetta dai monti dell’Appennino tosco-romagnolo e dal rilievo dalla Calvana. Nel 2004 è stata riconosciuta come A.N.P.I.L. (Area naturale protetta d’Interesse locale) del Sistema Regionale delle Aree Protette della Toscana, e rientra nel Sistema Nazionale WWF Italia delle Oasi.
Intorno all’Oasi sorgono numerose opere architettoniche di grande interesse storico: i castelli medicei del Trebbio e Cafaggiolo, la Villa delle Maschere, la Pieve romanica di S.Giovanni in Petroio, la strada romana Flaminia militare.

Giardino acquatico (foto www.gabbianello.it)

Oche in autunno - Oasi Naturalistica di Gabbianello (foto www.gabbianello.it)

Uccelli presenti nellOasi di Gabbianello

La diversificazione di habitat e la favorevole posizione geografica, rendono lOasi di Gabbianello un luogo importante per lo svernamento delle anatre, in particolare Germano reale, Alzavola, Fischione, e favorevole per la nidicazione di molte specie, come il Cavaliere d’Italia, il Tarabusino, la Marzaiola. Durante la migrazione larea è frequentata da numerosi uccelli, fra cui Cicogna bianca, Gru e Oca selvatica. Particolare attenzione merita la presenza del Fenicottero rosa nel corso della migrazione autunnale.
Tra i passeriformi troviamo specie tipiche del canneto come il Cannareccione, la Cannaiola e l’Usignolo di fiume. Tra i rapaci, stanziali o di passo, si possono osservare il Gheppio, la Poiana, il Falco pellegrino, il Falco pescatore, il Falco di palude e l’Albanella reale. I periodi migliori per losservazione degli animali sono lautunno (ottobre e novembre) e la primavera (marzo e aprile).

Informazioni per la visita

L’Oasi rappresenta inoltre un punto di partenza fondamentale per la scoperta del territorio locale, con un programma di escursioni a piedi ed in mountain bike alla scoperta delle meraviglie storiche, naturalistiche e paesaggistiche di questo angolo della Toscana.
Dotazioni attuali dellarea:
- Area umida di circa 8 ettari, con profondità dellacqua variabile da 0 a 80-100 cm;
- Bosco igrofilo planiziare nellarea a nord della zona umida;
- Sentiero per la visita guidata dellarea, schermato e dotato di cinque capanni per il birdwatching;
- Centro visite per lo svolgimento di attività di educazione ambientale, con piccolo bookshop.
Lo Stagno didattico: uno stagno artificiale attraversato da un pontile in legno che permette di osservare, facilmente, gli animali che abitano in questo ecosistema e la vegetazione igrofila tipica delle zone umide della Toscana.
- Giardino delle farfalle: si tratta di uno spazio caratterizzato da piante “appetite” dai Lepidotteri e microambienti che ne favoriscono la sosta e la riproduzione, in cui è possibile osservare, fotografare e studiare le farfalle nelle varie fasi di sviluppo.
- Il Campo collezione “Frutti dei Medici”: è un frutteto realizzato per permettere la conservazione di antiche varietà di piante da frutto del Mugello (oltre 50 varietà), selezionate e coltivate fin dal tempo dei Medici ed ora a rischio estinzione.
L’Oasi è aperta tutte le domeniche ed i giorni festivi (da aprile a giugno anche il sabato); chiusura luglio-agosto. Visite per scolaresche e gruppi: infrasettimanali su appuntamento.
Come si raggiungere
In auto: dall’autostrada del Sole (A1, uscita Barberino di Mugello) o da via bolognese seguendo le indicazioni per Barberino di Mugello. Mantenendosi sulla strada statale n. 65 voltare per Galliano e dopo 1 km seguire i cartelli indicativi dell’Oasi (dalla uscita A1 circa 6 km).
Gestione
LOasi Naturalistica di Gabbianello è gestita dalla cooperativa Ischetus sotto l’egida del WWF.
Sito Web: www.gabbianello.it
E-Mail: [email protected]


Video: A volo di uccello nella Riserva Naturale Monte Rufeno (Potrebbe 2022).