Collezioni

Piante medicinali a Nilgiris

Piante medicinali a Nilgiris


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Win Initiative / Photodisc / Getty Images

Situate nell'India meridionale, le montagne Nilgiri comprendono l'estremità più meridionale della catena montuosa dei Ghati occidentali dell'India occidentale. Conosciuti per la loro biodiversità, i monti Nilgiri ospitano un'incredibile diversità di vita vegetale, tra cui numerose specie rinomate per le loro proprietà curative. Utilizzate per secoli dai guaritori ayurvedici, le piante medicinali dei Nilgiri vengono ora studiate dai farmacologi di tutto il mondo.

Kariyat

Popolazioni sparse di kariyat (Andrographis paniculata) esistono nella parte settentrionale dei monti Nilgiri, in prati ombreggiati ad alta quota. È una piccola pianta erbacea con portamento eretto e foglie lunghe e strette. A partire dalla primavera, il kariyat fiorisce continuamente per tutta l'estate, portando una profusione di piccoli fiori bianchi contrassegnati da macchie viola. Conosciuto per il suo sapore estremamente amaro, il kariyat è comunque consumato come pianta medicinale da persone in tutta l'India per le sue presunte proprietà antimicrobiche.

Fiore di pula a due denti

Il fiore di pula a due denti (Achyranthes bidentata) è un'erba eretta e diffusa comune in gran parte dell'Asia. In India, prospera in zone umide con ombra screziata ed è spesso visto lungo i pendii ombreggiati dei monti Nilgiri. Cresce fino a tre piedi di altezza e ricorda molto la comune menta da giardino ma con foglie leggermente più larghe e arrotondate. Nella medicina ayurvedica, il fiore di pula a due denti è apprezzato per le sue proprietà antinfiammatorie e viene utilizzato per trattare il gonfiore associato alla gotta e alle lesioni muscolari minori.

  • Popolazioni sparse di kariyat (Andrographis paniculata) esistono nella parte settentrionale dei monti Nilgiri, in prati ombreggiati ad alta quota.
  • Nella medicina ayurvedica, il fiore di pula a due denti è apprezzato per le sue proprietà antinfiammatorie e viene utilizzato per trattare il gonfiore associato alla gotta e alle lesioni muscolari minori.

Snakeroot indiano

A volte chiamato legno di serpente, il serpente indiano (Rauvolfia serpentina) è un arbusto perenne comune al sottobosco della foresta dei Nilgiri. Conosciuto per le sue foglie coriacee e verde opaco, porta una profusione di vistosi fiori bianchi e viola per tutta l'estate. È apprezzato nella medicina ayurvedica per le sue proprietà sedative, che vengono utilizzate nel trattamento di una varietà di disturbi del sistema nervoso, tra cui ansia e insonnia.

Gurmari

Originario delle montagne dell'India centrale e meridionale, il gurmari (Gymnema sylvestre) è un'erba perenne rampicante comune in tutto il Nilgiri. Crescendo fino a sei piedi di altezza, gurmari porta un'abbondanza di foglie verde opaco e coriacee lungo i suoi steli legnosi e attorcigliati. Nella medicina ayurvedica, le foglie di gurmari sono usate per trattare una serie di squilibri di zucchero nel sangue, in particolare il diabete. Oltre alle sue proprietà antidiabetiche, è anche usato per trattare infiammazioni e anemia dei tessuti.

  • A volte chiamato legno di serpente, il serpente indiano (Rauvolfia serpentina) è un arbusto perenne comune al sottobosco della foresta dei Nilgiri.
  • Nella medicina ayurvedica, le foglie di gurmari sono usate per trattare una serie di squilibri di zucchero nel sangue, in particolare il diabete.

Sita Ashtok

Un albero sacro nella mitologia indù, la sita ashtok (Saraca indica) è apprezzata per il suo fogliame ornamentale e fiori profumati, nonché per le sue proprietà medicinali. Crescendo fino a 40 piedi di altezza, è un albero relativamente piccolo con una corona di grandi foglie sempreverdi. In febbraio e aprile, sita ashtok porta una profusione di fiori color corallo che emettono una piacevole fragranza. Nella medicina ayurvedica, il sita ashtok è usato per trattare una vasta gamma di disturbi, dai problemi ginecologici alla dissenteria.


Guarda il video: Proprietà dellaloe, regina delle piante officinali (Potrebbe 2022).